venerdì 12 agosto 2011

Mi arrendo


Sono ormai 3 giorni che me rimango tutto il tempo a letto..

Non trovo la forza e la voglia di fare nulla.

Ho lottato abbastanza fino ad adesso e non sono riuscita a cambiare niente, perciò è inutile.

Mi arrendo.

Rimpiango il fatto di non aver accettato le gocce consigliate dallo psichiatra per dormire, ora mi farebbero tanto comodo.

Senza contare che avrei avuto anche una scusa per il fatto che me ne sono stata sempre sotto le coperte. Mia sorella e mio padre etichettano tutto ciò come “pigrizia”.. non lo capiscono che è ben altro.

Da una parte meglio così, per loro continuo a stare bene e non si devono preoccupare. Dall’altra, però, sono stufa di dover nascondere il fatto che sto male.

Non ce la faccio più.

Vorrei che sapessero e quindi mi lasciassero in pace. Vorrei che capissero che no, non è un momento “di crisi” che con il tempo andrà via, perché ho bisogno di lavorarci su, affinché passi.

Che no, a settembre non sarò in grado di ritornare a scuola.

Voglio che cambi qualcosa.. ma come fare?

È inutile, con la psicologa in quell’oretta scarsa non ce la faccio a parlare. Non ce la faccio a dire quello che vorrei dire.

In mente ci sono certe risposte che però non riesco a esprimere e davanti al mio silenzio la psicologa non può far altro che ipotesi. Ma non può ragionare come me, non può leggermi la mente. Sarebbe più semplice. Molto.

Sono stufa.

9 commenti:

  1. Non ci si arrende Sara, non in questo modo!
    Puoi arrenderti al dolore e lasciarlo vivere e andar via. Ma non si rinuncia alla vita.
    Puoi stare bene, davvero piccola!
    puoi imparare ad affrontare tutti i momenti di tristezza che verranno ed essere aperta ad accogliere anche tutta la gioia che proverai! Perchè arriverà anche quella, te lo dò per certo!
    E sai cosa ti dico? Che se salti un anno di scuola non succede nulla..sapessi quanti ne ho persi io eppure alla fine mi sono laureata e faccio il lavoro che ho sempre desiderato fare.
    Potresti dedicare quest'anno a te stessa, potresti cercare una clinica che ti dia una mano, dove puoi passare le giornate.
    Prova a scrivere ciò che desideri, ciò che ti fa stare male e leggi ciò che hai scritto alla tua psicologa o lascialo da leggere..provaci, dai!
    Prenditi cura di te come ti prenderesti cura di un bambino.
    Ti abbraccio tesoro, so bene cosa provi e ti dico che ce la puoi fare, davvero.

    Chiara

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. ..ops..avrei voluto scriverti le cose che ti ha scritto Kiara..mi sono fermata in tempo..
    Allora aggiungo solo che Kiara ha ragione...scrivi..
    Un'ora dalla psicologa è poco..ma se in una settimana scrivi quello che senti, provi..allora quell'ora diventerà una giornata...
    E..scusa se sono diretta Sara..ma no,loro non capiranno mai..tua sorella...tuo papà..per loro la "pigrizia" va benissimo..è razionale, e soprattutto possono proiettare il loro senso di colpa su di te.."loro non c'entrano..sei tu pigra!!!!"
    Quindi..se vuoi stare a letto 3 giorni..ok..ma non pensare di farlo per ottenere l'interesse della tua famiglia..
    Ed infine..no Sara..non ti puoi..o meglio non ti devi arrendere..è dura,fa male..ma alla fine una via d'uscita c'è..te lo assicuro..
    La vita per quanto incasinata..è meravigliosa..e voglio,anzi esigo :-) che tu lo scopra!!!
    Un abbraccio infinito..
    Annalisa
    P.S...e poi Kiara pensa che sia diventata un'esperta di blog!!!Guarda che disastro,ho eliminato il primo commento!!!:-)

    RispondiElimina
  4. cosa c'è che non va? cosa è successo in questo periodo? mi sembri davvero sfinita..il fatto che tu abbia scritto così poco di te in questo periodo mi mette in allarme.
    Non farti scrupoli non pensare di essere pesante.parla almeno con noi.scrivi scrivi butta fuori tutto sputalo vomitalo..fregatene ti ascolteremo lo stesso
    parlo al plurale perchè vedo che molte altre persone la pensano come me e ci tengono

    RispondiElimina
  5. Ciao. Prima di tutto.. come sta il nuovoarrivato? e scusa se ho perso qualcosa ma.. come si chiama? volevo dirti che è meravigliosa la foto in cui dorme sul coniglietto; e anche che - lo saprai già - è molto terapeutico dormire con il motorino dei mici in braccio... dorme con te di notte? e se si, non senti che ti fa bene? Kiara dice 'Prenditi cura di te come ti prenderesti cura di un bambino' - e io aggiungo: prenditi cura così anche del micio, vedrai che vi curerete a vicenda. Dici che non riesci a parlare, ma che vorresti che "loro" sapessero e capissero. Domanda scema, ma te la faccio lo stesso: perché - se non riesci a parlare, non scrivi una lettera a tua sorella? ..magari poi non gliela darai, ma potresti cominciare a scriverle, come se parlassi a lei... e vedere cosa succede col tempo. Magari, scrivendo a LEI, puoi scoprire cose di te che ancora non sai.
    non so.. spero ci penserai. Notte!

    RispondiElimina
  6. Sara!
    Wow, vedo che qua ti hanno già scritto quello che volevo dirti anch'io...scrivi!!

    Dai Sara...me lo hai scritto anche tu nel commento: mi prometti che ci proverai?

    Un abbraccio bellissima!
    Ti voglio bene

    RispondiElimina
  7. cucciola.... mi spaice sentirti così... ma non arrenderti. non lasciare la scuola! è davvero importante ed è uno degli strumenti che ti portrà a cambiare la situazione, che ti permetterà di andare via di casa se lo vorrai, e che ti tiene a contatto col mondo e con i tuoi coetanei!!! credi di capire come ti senti. mi sono trovata nella stessa situazione qualche volta, sorpattutto quando vivevo ancora a casa.
    se ora ti senti così resta sotto le coperte, ma sapendo sempre che fuori c'è un mondo fantastico che devi vivere!sei davvero troppo giovane per arrenderti!!! dai dai forza!!! ti sono vicina! <3

    RispondiElimina
  8. Non mollare tesoro, ricordati di ciò che ci siamo dette, fai questo passo, fallo ti prego, so che hai questa forza dentro di te, devi solo tirarla fuori!!!!!

    Ti voglio bene...

    RispondiElimina
  9. Ti prego non ti arrendere...spesso ci arrendiamo proprio quando siamo lì lì per risolvere il problema!Invece della psicologa poi, ti andrebbe un'amica? Io potrei esserti amica?

    RispondiElimina